La psicoanalisi non è una moda
Una lettera del Prof. Servadio
Paese Sera 19 settembre 1966

Egregio Direttore,
ho letto, nel numero dell’ 8 Settembre di Paese Sera, l’articolo di Dario D’amato, in cui si contesta l’efficacia della psicoanalisi quale trattamento dei disturbi psichici e delle nevrosi. Potrei diffondermi in dissetazioni e dimostrazioni scientifiche a sostegno del contrario: ma esse annoierebbero i lettori, e Lei non mi concederebbe – penso – lo spazio ad hoc. Mi limiterò quindi ad alcuni semplici dati di fatto.
1) E’ noto a tutti che un prodotto di scarso o di nessun valore finisce, a lungo andare, per non essere pie richiesto, e per non apparire più sul mercato.
2) E’ noto a tutti che negli ultimi 50 anni (periodo considerato dal D’Amato nel suo articolo) sono sorti e tramontati molti indirizzi e metodi ed espedienti terapeutici e psicoterapeutici: dall’«autosuggestione cosciente» di Coué ai «circuiti oscillanti» di Lakhowslki; dalla «vegetoterapia» di Reich alla «dianetita» di Hubbard.
3) Per contro, la psicoanalisi freudiana è in continua, crescente «richiesta».
Ricordo che al Congresso Internazionale del 1932 eravamo un centinaio: l’anno scorso, ad Amsterdam eravamo più di mille. I Membri della Società Psicoanalitica Italiana sono attualmente più di 60: prima della guerra erano 4 o 5. Non le sembra che se la psicoanalisi fosse inefficace, s] troverebbe già da tempo nel solaio delle «mode» tramontate, insieme con le tecniche citate più sopra? O che, per lo meno, non sarebbe in continuo progresso quanto a numero di professionisti e, ovviamente, dei loro clienti?
Mi creda, cordialmente,
Prof Emilio Servadio
Presidente della Società Psicoanalitica Italiana

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!