L’identificazione delle impronte digitali. Un’impronta gigantesca.
Luce e Ombra 1931

Al momento di licenziare le bozze di questa rubrica, ci giunge il fascicolo di marzo della rivista « Psychic Research ». Esso contiene, oltre a vari altri scritti interessanti, brevi notizie intorno all’identificazione postmortem delle impronte digitali del giudice Hill, di cui è stato fatto cenno in « Luce e Ombra », 1930, XI, p. 527. Il relatore, dr. M. Richardson, scrive che è ancora troppo presto per fornire ampi particolari circa queste esperienze; conferma che il 12 ottobre 1930 furono ottenute, a Boston, due impronte del pollice destro del giudice Hill e una del pollice sinistro; esse furono perfettamente identificate, ma non sono abbastanza chiare da poter essere riprodotte, e si spera che si possano avere presto risultati migliori. Rispettivamente il 7 e il 10 novembre, si ottennero nuove impronte del pollice sinistro e del pollice destro; altre due il 12 dicembre: queste nuove impronte sono, attualmente, in esame presso gli esperti; appaiono comunque chiarissime e ben marcate.
Nello stesso breve articolo il R. annunzia che l’ « entità » Walter, « guida » della medium « Margery », ha dato finalmente una impronta più grande del normale (circa il doppio); essa era stata chiesta, allo scopo di eliminare, sopra ogni altro controllo o garanzia, anche il semplice sospetto che le impronte stesse potessero essere ottenute artificialmente, per mezzo di calchi.
Emilio Servadio.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!