Alla scoperta della patria dl Uilsse con un turismo dei tempi di Omero
Uno psicoanalista italiano in vacanza a Leucade
Il Tempo 19/08/1962

Leucade, agosto

« …e gli dei dell’antico Olimpo vi saranno propizi ».
Così, o press’a poco, terminava la lettera di quattro pagine con cui il sig. Z. da Atene, ci incoraggiava a passare le nostre vacanze in un’isola greca dello Ionio: Leucade « la bianca », che secondo alcuni sarebbe stata, vera patria del mitico Ulisse. A Leucade – indicava ancora il nostro amabile corrispondente – si preparava un Festival folkloristico italo-greco, a cui erano stati invitati giornalisti italiani. francesi e svizzeri. Ancora rustica, ma pulita e provvista di piccoli alberghi e di case ospitali, Leucade meritava di essere visitata, e meglio conosciuta. Poteva essere il soggiorno ideale per chi amava il mare, la quiete, la vita libera.
Arrivare a Leucade, sulla carta, è semplicissimo. Si prende l’aereo, o il treno, sino a Brindisi. La sera, ci si imbarca su una nave della « Società Adriatica », che la mattina dopo approda prima a Corfù e poi a Igomenitza. Da Igomenitza si prende un pullman che in due ore e mezza arriva a Prèvesa: e da qui un motoscafo o un automezzo (con brevi traghetti ) vi porta a destinazione. Ci potrebbe andare un bambino.
Dal centro di Brindisi, un taxi ci conduce al molo. Forti del nostro biglietto e del nostro passaporto entrambi perfettamente in regola – credevamo d’imbarcarsi subito.
Ingenuità e illusione! In primo luogo « coda » di fronte all’unico banco della Società « Adriatica », dietro il quale – l’unico impiegato tiene testa a una folla accaldata e innervosita. Verifica dei passaporti: verifica dei biglietti, trascrizione dattilografica dei dati su appositi fogli : riempimento in piedi, delle dichiarazioni per la polizia (con i passaporti già consegnati, del quali beninteso nessuno ricorda i numeri); altra « coda » allo sportello della polizia: timbri italiani sui passaporti. All’ingresso della nave, terza « coda » lungo un tavolo per la timbratura greca. Prima d’indicarci la cabina, anche il cameriere ci chiede di vedere i passaporti. Mentre gli stiamo offrendo di mostrarli eventualmente al cuoco di bordo, sentiamo pochi metri accanto le vibrate e altisonanti espressioni di un nostro illustre diplomatico, ancor più esasperato di noi i per questo strano modo d’incoraggiare il turismo, e di facilitare gli scambi internazionali…
La nave – bellissima, e largamente provvista di aria condizionata (ce n’era bisogno) – parte con due ore di ritardo. Spiegazione: aveva dovuto attendere un folto gruppo di turisti, appartenenti a un noto club internazionale, che da qualche anno turba ed infesta i più bei luoghi del Mediterraneo. Pazienza: ma il ritardo non viene colmato. Arriviamo a Igomenitza sotto un sole atroce, e naturalmente la corriera per Prèvesa non c’e (siamo stati poi informati che non c ‘e quasi mai, del tutto indipendentemente dagli orari delle navi, e che in questa regione vige l’allegro principio – o complesso – della « non-coincidenza ». Una serie di mezzi di fortuna, una torrida traversata dell’arido Epiro… e l’ultimo taxi, alle nove di sera, deposita a Leucade i pallidi residui di uno psicoanalista italiano.
Leucade, in quest’anno e in questa stagione, ci appare piuttosto bella, polverosa, orientale, caldissima, piena di rumore, e perfettamente disorganizzata. La sua configurazione rassomiglia vagamente a quella dell’Argentario,con le lagune tipo Orbetello, qualche verde montuosità, e diverse isole e isolette vicine. Il centro principale, è un piccolo e affollato caos. Che si sia potuto pensare di celebrare un Festival internazionale a Leucade sarebbe del tutto incomprensibile se non ci rendessimo rapidamente conto delle buone intenzioni, della gentilezza , e – s’intende – dell’assoluta buona fede dei promotori, la cui mentalità ricorda per certii versi quella dei meridionali conterranei di Tartarin de Tarascon, nel celeberrimo romanzo di Alfonso Daudet.
Qui la « camera confortevole » è un locale con una branda e senza mobili la « doccia a disposizione » e un tubo di gomma al pianterreno, di cui debbono servirsi cinque o sei coinquilini (e il termometro raggiunge punte di 38° e oltre); le « ampie possibilità balneari » sono spiagge ( assai belle in verità) a un chilometro dall’abitato e prive di cabine. Solo l’estrema affabilità degli abitanti, e il loro pronunciatissimo senso d’ospitalità – uniti s’intende agli sforzi e alle acrobazie di chi ha organizzato il Festival – fanno sì che gli stranieri sopraggiunti acconsentano a non ripartire immediatamente, e ad « aggiustarsi » alternando lamentele e sogghigni, esclamazioni sconfortate e grida di gioia. Si odono strane notizie: « A me hanno dato un sommier in un grande salone » ; « la pompa della mia casa si rompe quando la tocco »; « a due metri dalla mia finestra c’é una sega circolare » « io faccio la doccia bocconi, sotto il rubinetto dello acquaio »…
Ospiti che si aspettavano un alloggio fissato da mesi si spostano con valigie e abiti all’aria dalla dimora del dottore a quella del sarto, esitano fra la cucina con balcone e il salotto con divano trasformabile.
Il buonumore, comunque tende a prevalere. Chi va al bagno, chi scrive i primi articoli, chi scatta fotografie. E per tutti ha una parole gentile, e tentativi qualche volta efficaci d’aiuto, la moglie di Z., colui che in quattro pagine « pindariche » ci ha incoraggiati, stando ad Atene, e passare e vacanze in questa Leucade. E’ una giovane signora assai graziosa, vivace e piena di zelo, che sembra impersonare tutto un cumulo di « buone intenzioni » – destinate per ora, purtroppo, a rimanere, quasi completamente tali. Sarà per l’anno prossimo – c’informa la signora Z. – allora troveremo a Leucade un albergo grande e « moderno ».
E il Festival? Quello a cui dovremmo assistere deve ancora cominciare: ma il vero festival, nel senso alquanto carnevalesco del termine, é proprio quello che, tra strepiti, starnazzamenti e rassegnazioni fatalistiche, stiamo da alcuni giorni intensamente vivendo. Del resto, un’avventura simpatica che ognuno di noi vive con scanzonata allegria.
Emilio Servadio

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!